Ta.Ri.

Ultima modifica: Mercoledì, 26 Ottobre 2016 09:32
Scritto da Giuseppe

Cosa è la TARI
La TARI (tassa sui rifiuti) istituita con Legge 27/12/2013 n. 147 rappresenta il corrispettivo per il servizio di smaltimento dei rifiuti urbani ed assimilati ed ha sostituito la tassa sui rifiuti solidi urbani (TARSU).
Il Comune, nei limiti previsti dalla legge, definisce con propri provvedimenti le norme per l'applicazione del tributo nonché le relative tariffe.
Chi deve pagare la TARI
Il tributo è dovuto da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Il tributo è dovuto da coloro che occupano o detengono i locali o le aree scoperte con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse.

Superficie imponibile
Ai fini dell'applicazione del tributo si considerano le superfici dichiarate o accertate ai fini TARSU.
Per le nuove dichiarazioni dovrà essere indicata la superficie calpestabile dei locali e delle aree suscettibili di produrre rifiuti urbani e assimilati.
Nella determinazione della superficie dei locali e delle aree scoperte assoggettabili alla TARI non si tiene conto di quella parte delle stesse dove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali o tossici non assimilati agli urbani, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori.
Come ottenere la detassazione dei locali che producono rifiuti speciali
Al fine di beneficiare della detassazione dei locali che producono rifiuti speciali non assimilati agli urbani il contribuente dovrà presentare entro il 30 giugno dell'anno successivo apposita attestazione, utilizzando il modello predisposto dall'Ufficio Tributi, con allegate le copie dei formulari dei rifiuti speciali.
Tale adempimento dovrà essere effettuato per ogni annualità entro il 30 giugno dell'anno successivo.
Il mancato rispetto del termine sopra indicato da parte dei contribuenti comporterà la perdita del beneficio con conseguente obbligo di versamento della differenza del tributo dovuto.

Le scadenze 2016
Nel mese di giugno 2016 verranno recapitati, da Equitalia S.p.A., gli avvisi di pagamento per la tassa relativa all'anno 2016.
Le scadenze per il pagamento sono fissate al:
- I rata 30 giugno 2016
- II rata 30 novembre 2016
TARI - tariffe utenze domestiche 
La tariffa delle utenze domestiche è composta da una quota fissa parametrata al numero di componenti del nucleo familiare che va moltiplicata per la superficie dell'immobile, e una quota variabile determinata in relazione al numero di occupanti.
Il numero di occupanti per i contribuenti residenti è quello del nucleo familiare risultante all'Anagrafe Comunale.
Devono comunque essere dichiarate le persone che non fanno parte del nucleo familiare anagrafico e dimoranti nell'utenza per almeno 6 mesi nell'anno solare (es. colf,badanti,...).
Il numero di occupanti per i contribuenti non residenti, o per gli alloggi a disposizione di soggetti diversi dalle persone fisiche e occupati da soggetti non residenti, sarà quello dichiarato dall'utente o, in mancanza o se inferiore, quello di 2 unità.
Le variazioni del numero di componenti che avvengono durante l'anno avranno efficacia a partire dall'anno successivo.
Di seguito viene riportato l'elenco delle tariffe per le utenze domestiche per l'anno 2016 e modalità di calcolo (deliberazione di Consiglio Comunale del 29/4/2016).

UTENZE DOMESTICHE
TARIFFE
n. occupanti  Fisso €/mq   Variabile €
         1             0,284         34,17
         2             0,332         73,08
         3             0,366         94,91
         4             0,393       123,39
         5             0,420       154,23
         6 o più     0,440       177,96

L'importo totale annuo da versare si ricava moltiplicando la quota fissa, rilevata in corrispondenza del numero dei componenti del proprio nucleo familiare, per i metri quadri dell'abitazione.
Al prodotto così ottenuto va sommato l'importo della corrispondente quota variabile.

Dovrà inoltre essere aggiunta l'addizionale provinciale pari al 5% del tributo dovuto.

Esempio
Nucleo di n. 4 persone in una abitazione di mq. 100: (0,393 x 100) + 123,39 = € 162,69
All'importo così calcolato si aggiunge il tributo provinciale del 5%. Totale da pagare: € 162,69 + 5% = € 170,82 arrotondato a € 171,00
DA NON DIMENTICARE - Presentazione della dichiarazione di variazione
S'informa che per ogni variazione (trasferimenti all'interno del comune, ampliamento della superficie, diversa destinazione d'uso dei locali ecc.) che costituisce presupposto oggettivo per la quantificazione del tributo - compresa la cessazione d'uso dei locali - dovrà essere presentata apposita denuncia, redatta su modello disponibile presso il servizio tributario, entro il 30 giugno dell'anno successivo alla variazione. La denuncia di cessazione avrà efficacia con decorrenza dal primo giorno del mese successivo a quello in cui è stata presentata. In caso di mancata presentazione della denuncia nel corso dell'anno di cessazione, il tributo non è dovuto per le annualità successive se l'utente  che ha prodotto denuncia di cessazione dimostri di non aver continuato l'occupazione o la detenzione dei locali ed aree ovvero se la tassa sia stata assolta dall'utente subentrante a seguito di denuncia o in sede di recupero dell'ufficio.
Nessuna denuncia dovrà essere presentata in caso di modifica del nucleo familiare per le famiglie residenti in quanto il servizio tributario recupererà il dato direttamente dai servizi demografici, tenendo presente che le variazioni intervenute nel corso dell'anno avranno efficacia a partire dall'anno successivo.
Si precisa che per i nuclei familiari non residenti è stato assunto, come numero di occupanti n. due (2) unità, è dovere dell'occupante segnalare mediante la dichiarazione di inizio occupazione o di variazione il numero degli occupanti qualora esso dovesse essere superiore a due.
La diversa composizione del nucleo rispetto a tale numero potrà essere dichiarata dal soggetto intestatario della bolletta presentando specifica denuncia al servizio tributario entro il termine su indicato del 30 giugno.
In caso di omessa presentazione della dichiarazione di occupazione si applica la sanzione dal 100% al 200% del tributo non versato con un minimo di € 51,00.
In caso di incompleta e infedele denuncia esempio superficie inferiore a quella effettivamente occupata) si applica la sanzione dal 50% al 100% del tributo non versato con un minimo di € 51,00.

Tari tariffe utenze non domestiche 
Di seguito viene riportato l'elenco delle tariffe per le utenze domestiche per l'anno 2016 e modalità di calcolo (deliberazione di Consiglio Comunale del 29/4/2016).

UTENZE NON DOMESTICHE
TARIFFE
n.                    categoria Attività                                                            Fisso €/mq  Variab. €/mq
1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto                                 0,245          0,503
2 Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi                                      0,435          0,892
3 Stabilimenti balneari                                                                                 0,299          0,615
4 Esposizioni, autosaloni                                                                             0,216          0,448
5 Alberghi con ristorante                                                                             0,709          1,459
6 Alberghi senza ristorante                                                                          0,505          1,039
7 Case di cura e riposo                                                                                0,576          1,185
8 Uffici, agenzie, studi professionali                                                               0,630          1,296
9 Banche ed istituti di credito                                                                       0,334          0,687
10 Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, ...               0,514          1,052
- idem utenze giornaliere                                                                             0,002          0,004
11 Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze                                                    0,633          1,302
12 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elett...           0,482          0,989
13 Carrozzeria, autofficina, elettrauto                                                           0,601          1,232
14 Attività industriali con capannoni di produzione                                          0,410          0,844
15 Attività artigianali di produzione beni specifici                                             0,421          0,862
16 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, pub, birrerie                          1,641          3,360
- idem utenze giornaliere                                                                             0,007           0,014
17 Bar, caffè, pasticceria                                                                              1,215          2,491
18 Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, ...                    1,040          2,136
19 Plurilicenze alimentari e/o miste                                                                0,910         1,863
20 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante                                                           3,582         7,359
- idem utenze giornaliere                                                                             0,015         0,030
21 Discoteche, night-club                                                                            0,792         1,629

L'importo da versare per ciascuna attività si ottiene moltiplicando la quota fissa e la quota variabile per i mq. delle superfici soggette a tassa. All'importo così calcolato si aggiunge il tributo provinciale del 5%.

Agevolazioni per attività di riciclo utenze non domestiche
Le utenze non domestiche che dimostrino di aver avviato al recupero rifiuti assimilati agli urbani hanno diritto ad una riduzione del tributo nella quota variabile. Tale riduzione viene calcolata in base al rapporto tra il quantitativo di rifiuti assimilati agli urbani effettivamente avviata al recupero nel corso dell'anno solare e i quantitativi calcolati in base ai coefficienti di produzione KD per la specifica categoria indicati all'articolo 9.C del Regolamento della IUC. La riduzione così determinata non può essere, comunque, superiore al 50 % della quota variabile del tributo.
Al fine di beneficiare dell'agevolazione, il soggetto passivo deve presentare entro il 30 giugno dell'annualità successiva l'apposita attestazione, utilizzando il modello con allegate le copie dei formulari rifiuti relativi all'attività di riciclo o copia del modello unico di denuncia (MUD) comprovante la quantità dei rifiuti assimilati avviati al recupero, in conformità delle normative vigenti.

Cerca

Tribiano TV

Il sito del Comune di Tribiano è stato premiato
Il sito del Comune di Tribiano è stato premiato dal concorso Comunicami 2010 della Provincia di Milano nella sezione Miglior progetto Internet cone la seguente motivazione: "Esempio ben riuscito di canale web, trasmesso su un social network, con una grafica chiara e ben definita, facile da fruire."

Area RISERVATA